Casa Editrice

casa editrice990x203

 

AGC Communication s.r.l. ha dato vita a Acta Mundi, una collana dedicata ad approfondire temi al centro dell’agenda politica ed economica internazionale, in tutte le sue declinazioni.

 

Nella collana Acta Mundi puoi trovare:

 

Lo Stato Islamico

Il lavoro di analisi del team di ricerca di AGC Communication ha portato alla pubblicazione della prima analisi dello Stato Islamico effettuata da fonti aperte e social “fornite” dallo stessa realtà oggetto di analisi: a dicembre 2014 è uscito, infatti, Lo Stato Islamico, edito dalla stessa AGC Communication, primo “manuale” sul fenomeno Daesh. Il testo è giunto alla terza edizione. Il complesso dei dati raccolti viene analizzato dal team nel suo complesso per coglierne i diversi aspetti e trend di sviluppo. Alla ricerca sui social si è affiancata una ricerca tradizionale di tipo storico, filosofico, religioso e sociologico.

copdefstatopiccola

Daesh Matrix

Il lavoro di analisi del team di ricerca di AGC Communication ha portato alla pubblicazione della seconda analisi dello Stato Islamico effettuata da fonti aperte e social media: a ottobre 2016 è uscito Daesh Matrix, edito dalla stessa AGC Communication, secondo “manuale” sul fenomeno Daesh. Il testo nasce dall’osservazione del fenomeno dal momento della discesa in campo della Coalizione internazionale, della Russia. Risponde principalmente ad alcune domande: Cosa è cambiato? Daesh sta vincendo o perdendo? Che fine fanno i rifugiati? Come hanno penetrato gli Stati? All’interno del testo sono stati inseriti documenti originali che sono stati analizzati dai ricercatori del team OSINT / SOCMINT di Agc Communication.
daeshmatrixpiccola

 

Inoltre il lavoro di ricerca di AGC COMMUNICATION in questo settore ha portato alla realizzazione di un reportage sulla condizione dei profughi siriani in Giordania

Per vedere i due teaser clicca su
SIRIA AMMAN solo ANDATA 
e AZRAQ

e due documentari internazionali:

 

Stato Islamico. Nascita di un formatscheda documentario statoislamico copia2

Il documentario Stato Islamico. Nascita di un format, è andato in onda per la prima volta a Giugno 2015 all’interno del programma “Piazzapulita” trasmesso sul canale televisivo nazionale LA7, prodotto da Magnolia e Todos Contentos Y Yo Tambien, il documentario realizzato tramite le ricerche e le analisi di AGC Communication effettuate nel periodo 2013 – 2015, è stato scritto da Antonio Albanese e Graziella Giangiulio, direttore e condirettore di AGC Communication, assieme a Riccardo Mazzon, regista Rai.

Il documentario ha ottenuto subito un grande successo di pubblico e di ascolti tanto da venir replicato  in prima serata molte volte in questi mesi. La sua versione internazionale, Decoding Isis, è stata acquistata e trasmessa in 15 paesi: tra cui Austria, Spagna, Francia, Brasile, Canada; Svizzera, Polonia, Danimarca.

 

Stato Islamico. Morte di uno Stato mai nato?

schedamorte statocopia

Il documentario Stato Islamico. Nascita di un format, è stato seguito da un secondo documentario: Stato Islamico: Morte di uno stato mai nato? Il documentario, il secondo del suo genere prodotto in Italia, interpreta e spiega la vita nel Califfato attraverso i filmati di propaganda prodotti da Daesh. ISIS: morte di uno Stato mai Nato? va in contro tendenza rispetto alla censura dei media occidentali che, nell’intento di bloccare la propaganda, sono diventati ciechi di fronte a una realtà che invece può essere compresa solo attraverso la propaganda stessa.

L’unico modo per capire un fenomeno è l’osservazione e lo studio, non la censura. La propaganda di Daesh arriva nelle case degli interessati, principalmente giovani tra i 13 e i 25 anni, tramite i social network. Si tratta di una propaganda transmediatica, cioè un messaggio che passa attraverso tutti i canali di comunicazione fino ad ora conosciuti, bombardando letteralmente l’audience di riferimento. Una vera guerra dell’informazione.

È una propaganda sottile che giustifica le azioni terroristiche compiute in Europa perché sono una reazione alle violenze che l’Occidente sta compiendo in Medio Oriente.

I reclutamenti riguardano anche i bambini, che vengono indottrinati e convinti a fare “il Jihad”.

E noi? Che stiamo facendo? Bombardiamo, mentre oscuriamo immagini e neghiamo una guerra che è già in corso, ma mentre la guerra potremmo vincerla, riusciremo a sconfiggere il desiderio di uno Stato Islamico?

Il documentario è stato presentato il 17 febbraio presso la Camera dei Deputati della Repubblica Italiana in una serata ad hoc organizzata dal Vice Presidente della Camera dei Deputati, on. Simone Baldelli, e dall’Intergruppo Parlamentare Uniti contro il Terrorismo, presieduto dall’on. Andrea Manciulli, presidente della Delegazione Parlamentare italiana alla NATO.

Lo stesso documentario, nella sua versione internazionale, è stato poi presentato e discusso con gli autori in un meeting riservato della CIOR, organizzazione dell’Alleanza Atlantica.

Per proporre una pubblicazione alla nostra Casa Editrice contatta:

segreteria.redazione@agccommunication.eu

Per acquistare on-line le nostre pubblicazioni scrivi a:

info@agcservizi.com.

Oppure vai su: https://tabook.it/editore/agc-communication